MAXI EMERGENZA

(Redatto Inf Coordinatore Sacco Antonella e IP Miccolis Emma)


Il Servizio 118 della Provincia di Belluno, sensibile alle problematiche relative agli interventi di soccorso sul territorio per incidenti che coinvolgono molte persone, ha effettuato un’analisi del rischio d’incidenti che potrebbero realizzarsi con maggiore probabilità. Dall’analisi è risultato, relativamente alla morfologia del territorio prevalentemente montuoso, una più alta probabilità d’incidenti legati al dissesto idrogeologico (frane, alluvioni, allagamenti – numerosi sono i bacini idrici artificiali - valanghe ), incidenti stradali legati alla tortuosa viabilità montana, presenza di numerose gallerie nonché agli alti flussi di traffico turistico nei mesi estivi ed invernali, non per ultimo ha considerato il rischio NBCR per la presenza di alcuni fabbriche “pericolose” (..es deposito del gas di Ponte nelle Alpi) nonchè al traffico pesante da e per il Nord-Est europeo per il trasporto di merci “pericolose”.

Relativamente all’analisi del territorio il SUEM 118 ha pianificato dei protocolli d’intervento in caso d’incidenti in particolari situazioni (vedi incidenti in galleria e …altri protocolli fatti).

Inoltre per un’operatività efficiente ma soprattutto efficace in caso di evento maggiore, il Servizio 118 ha organizzato a marzo 2006 il primo corso per la gestione dell’evento maggiore , accreditato dal Ministero della Sanità.

Nel corso dell’anno 2006 sono stati fatti 4 corsi e nel 2007 n.2 questo ci ha permesso di formare sia teoricamente che praticamente quasi tutto il personale 118 della Provincia e una buona fetta di volontari che operano sul territorio di concerto con il SUEM ed esattamente n. 11 Medici , n.42 infermieri n.30 autisti , n.41 Volontari. I corsi sono stati tenuti da un Medico Dott. Fabrizio Spaziani e dall’Infermiera Vincenzi Tamara entrambi dipendenti del ULSS n.1 di Belluno, assegnati al Servizio SUEM 118 di Pieve di Cadore.

Per una maggiore intesa e collaborazione con la Protezione Civile, Forze dell’Ordine, VVFF e enti di Volontariato , il 118 ha partecipato con la Prefettura ad esercitazioni di Maxiemergenza nella Provincia di Belluno, mentre ha organizzato un’esercitazione a settembre 2006. In occasione del 30° anno di attività della Sezione di Cortina d’Ampezzo e’ stata organizzata un’ esercitazione riguardante la maxiemergenza.

L’esercitazione ha una parte fondamentale in tutto questo, significa approfondire gli argomenti, significa collaborazione, significa imparare a gestire al meglio le risorse, significa sbagliare esercitandosi per poter essere migliori !!!










SCENARIO:


alle ore 13.30 circa una corriera, con a bordo 35 persone (compreso l’autista), sta percorrendo la S.S. 51 d’Alemagna da Cortina d’Ampezzo verso S. Vito di Cadore, improvvisamente, per cause sconosciute, all’altezza del bar trampolino in località Zuel, sulla curva subito dopo il parcheggio, la corriera finisce fuori strada rotolando fino nel prato sottostante la ex ferrovia.

Sul posto arrivano mezzi e viene allestito il PMA. Tutti i pazienti soccorsi sono stati realmente trasportati presso gli ospedali di Cortina d’Ampezzo e Pieve di Cadore permettendoci cosi’ di verificare la tempistica dando modo anche ai PS di esercitarsi attuando il PEMAF.